Oggi sentiamo parlare ovunque di “Casa Intelligente”, di prodotti connessi tra di loro, oggetti controllabili tramite voce. Ambienti smart in grado di comunicare con il nostro smartphone o con gli assistenti virtuali e di fornire informazioni di vario tipo al verificarsi di alcune precise condizioni o eventi.

Tuttavia la domotica non si può considerare un concetto nuovo. Da diverso tempo esistono sistemi che permettono il controllo di molti aspetti della nostra vita quotidiana. La diffusione però dei sistemi di controllo come Alexa, Google Assistant e Siri hanno reso il concetto domotico molto più semplice da comprendere e soprattutto molto più aperto a tutti.

Ovviamente tutto deve essere comunque configurato, almeno la prima volta. Ed è per questo motivo che non possiamo non parlare di Home Assistant.

Home Assistant è un software open source multipiattaforma di automazione in grado di controllare e personalizzare tutti i dispositivi tecnologici all’interno di un sistema domotico.

Il centro domotico integra un ampio ventaglio di accessori smart e di dispositivi di vario tipo, come ad esempio: Lampadine, Prese, Sensori, Videocamere, e tantissimo altro ancora, mettendo al primo posto la privacy.

Supporta Alexa, Google Home, Siri e molti altri sistemi di controllo. L’interfaccia grafica è chiara e pulita. Il suo utilizzo è semplice ed intuitivo.

Home Assistant può essere controllato da qualsiasi Browser, desktop o mobile. Sono presenti le relative app di controllo per Android e iOS.

Home Assistant è un software estremamente leggero e per questo motivo è installabile con immagine già pronta, su Raspberry, su un PC o Mini PC oppure si può utilizzare un PC Windows ed installare Home Assistant in Virtuale.

Se vuoi sapere come installare Home Assistant su una Raspberry clicca qui